Archivio della categoria: Casa e arredamento

Lavatrici: come fare la scelta giusta

Una buona lavatrice assicura un bucato perfetto ma la scelta deve tenere conto di diversi parametri in grado di accontentare tutte le esigenze dell’acquirente. Ecco cosa occorre sapere per ottimizzare l’acquisto.

Lavatrici in offerta: quale capienza serve?

Un’occhiata alle offerte di lavatrici impone, in primo luogo, una valutazione della loro capienza e un orientamento in merito fatto in base alla quantità di bucato che, normalmente, ci si trova a dover lavare. Chi ha l’esigenza di lavare fino a 12 chili di biancheria o desidera essere indipendente dalla lavanderia e poter inserire in lavatrice anche il piumone troverà a disposizione modelli di lavabiancheria particolarmente grandi e capienti ma più costosi e non sempre soddisfacenti nei risultati.

Famiglie meno numerose possono invece privilegiare proposte meno ingombranti in grado di trattare tra i 7 e gli 8 chili di bucato e di fornire prestazioni eccellenti.

Scegliere fra le offerte di lavatrici in base alla differenza di carico

La produzione di lavatrici offre modelli sia a carica frontale sia a carica dall’alto, particolarmente utili quando sussistono problemi di spazio. Se, infatti, il primo tipo di lavabiancheria rispetta di solito il tradizionale ingombro di 60 x 60 cm, i modelli a carica dall’alto o quelli frontali di tipo slim possono essere inseriti anche in locali di piccola metratura. Gli articoli a carica frontale, tradizionalmente più richiesti, sono forse trattati con maggior cura dalle aziende produttrici ma, in ogni caso, anche le altre tipologie assicurano ottimi risultati.

Il numero di giri delle lavatrici in offerta sul mercato

La tendenza degli ultimi anni è quella di proporre lavabiancheria standard con una tecnologia decisamente avanzata che, a fronte di 7 chili di carico, garantiscono una centrifuga a 1200 giri. Marchi minori mettono in commercio anche modelli da 800 giri o, al contrario, da 1400 o 1600. Questi ultimi, sensibilmente più costosi, non riescono, tuttavia, a incrementare le prestazioni della centrifuga e, in più, a causa della forte velocità sono soggetti a una maggiore usura meccanica.

Una maggiore velocità di centrifuga serve a estrarre maggiori quantità di acqua dalla biancheria che però, in ogni caso, non risulta mai completamente asciutta e l’asciugatrice o lo stendino rimangono attrezzi indispensabili. Bucati perfetti possono invece essere garantiti anche da una lavatrice a 1000 giri, purché di buona qualità.

Dalla sicurezza al risparmio: tutti i punti da tenere presenti

Le lavabiancheria di ultima generazione possono essere impostate in modo da avviarsi spontaneamente anche in assenza del proprietario. Per potersi assentare con tranquillità è quindi fondamentale orientarsi su elettrodomestici dotati di sofisticati sistemi di sicurezza che entrano in azione per evitare accidentali trabocchi o perdite di acqua.

Il blocco dell’acqua e lo scarico automatico a fronte di un malfunzionamento, così come il sistema di sicurezza antischiuma che previene eventuali guasti e conseguenti accumuli di schiuma, permettono di allontanarsi da casa e di fare il bucato in tutta tranquillità.

Le classi energetiche

Per legge tutti i modelli di elettrodomestici devono essere dotati di etichetta energetica A+++, A++, A+, A e via via fino alla D. I modelli contrassegnati con A+++ sono quelli che garantiscono il maggior risparmio di energia, mettendo d’accordo l’attenzione all’ambiente con quella all’economia domestica.

L’accortezza di lavare a 60 ° solo in caso di capi particolarmente sporchi e di orientarsi, di norma, sui 40° gradi assicura un’ulteriore riduzione di energia. Si trovano offerte di lavatrici di brand eccellenti in grado di garantire prestazioni ottime anche con lavaggi a freddo.

Lotta al rumore

Per poter sfruttare pienamente le ore notturne, durante le quali il costo dell’energia è ridotto, la scelta di modelli particolarmente silenziosi è indispensabile. I modelli a carico frontale sono dotati di una maggiore stabilità e, di conseguenza, tendono a vibrare meno durante la fase di centrifuga. In ogni caso tutti i principali produttori, pongono ormai grande attenzione anche alla silenziosità delle lavatrici in offerta.

Prezzi online per traslochi a Roma e Milano

Se state progettando un trasloco a Roma o Milano è bene raccogliere quante più informazioni possibili in modo da poter compilare velocemente il vostro preventivo. Una soluzione alternativa può essere quella di affidarsi ad un tecnico specializzato, la maggior parte dei quali giunge il loco per un sopralluogo gratuito e senza impegno in modo da poter fornire un’idea chiara sui costi che dovrete affrontare.

Per gli amanti del fai-da-te invece, e per chi non vuole perdere tempo in attesa dell’esperto, affidandosi alle specifiche dei preventivi standard è possibile sapere quali sono tutte le informazioni da raccogliere ed è possibile specificare eventuali esigenze particolari, come il trasporto di acquari o animali esotici in teche di vetro.

Come compilare un preventivo

Il preventivo di un trasloco più dettagliato dovrebbe comprendere sempre specifiche come il numero di ore e di giorni previsti dal lavoro, quanto verrà a costare giornalmente il trasloco e il numero di operai che saranno coinvolti, poi ovviamente il costo dei mezzi che saranno utilizzati, del montaggio e smontaggio dei mobili, dell’imballaggio (se compreso nelle operazioni della ditta o se lasciato nelle mani del cliente) e dello smaltimento del materiale utilizzato, la ripulitura dei locali a trasloco terminato (che se compresa fa lievitare i prezzi), i costi assicurativi e la cima massima di assicurazione.

Alcuni esempi di prezzi per il trasloco di un appartamento al secondo piano

Questi esempi ci forniscono un’idea su quali siano le cifre standard che possiamo trovare per un trasloco di un appartamento al secondo piano a Roma e Milano. Sono le tariffe per un lavoro con città di destinazione uguale all’appartamento di partenza.

Per un trasloco tutto incluso “chiavi in mano” i prezzi si aggirano intorno agli 800 euro.

Traslochi che non comprendono lavori successivi sull’appartamento sono disponibili a partire da 450 euro fino a300 euro per soluzioni più economiche.

I pratici del fai da te invece che vogliono imballare da soli i propri mobili potranno far scendere il prezzo fino a 135 euro.

Al prezzo di base devono essere aggiunte altre varianti: smontare e trasportare una camera da letto può far salire il costo totale del trasloco di 200 euro, mentre per la cucina si arriva a 300 euro, considerato che servirà anche chiamare un idraulico per rimontare le tubazioni nel nuovo appartamento.

 

Come organizzare una fantastica festa in piscina

La stagione estiva è alle porte e con essa anche il caldo, quale miglior motivo per organizzare una fantastica festa in piscina? D’estate è praticamente impossibile frequentare locali chiusi e affollati per via del caldo quasi opprimente ecco perché sono sempre di più gli eventi organizzati a bordo vasca tra musica, cocktail, amici e divertimento! Ma come organizzare una festa in piscina senza dimenticarsi nulla? Con questa guida scopriremo insieme le varie fasi per organizzare una festa davvero indimenticabile!

 

La locatione l’allestimento

Come prima cosa bisogna scegliere la location giusta e, visto che la piscina sarà l’elemento fondamentale per la vostra festa, deve essere correttamente pulita e disinfettata in quanto sarà quasi d’obbligo tuffarsi nel corso della serata! Bisognerà quindi trovare una buona piscina con le dimensioni tali da permettere di invitare quante più persone possibile; tra le differenti opportunità di usufruire una piscina per fare una festa troviamo alcune alternative interessanti: noleggiare una piscina di un hotel, di un centro sportivo all’aperto o meglio ancora, usufruire della piscina dell’amico!

 

Una volta trovata la tanto ambita location con piscina bisognerà al tema della festa e, visto che la piscina sarà il protagonista, potrete scegliere un tema hawaiano, marinaresco e così via. Dopodiché possiamo pensare alla lista degli invitati e, visto che abbiamo scelto un tema della festa, sarà ancora più bello se gli inviti abbiano lo stesso stile, in modo tale da anticipare l’atmosfera della festa agli invitati; importante specificare di portare costume e asciugamano!

 

Un’altra cosa da non sottovalutare è l’allestimento di tutta l’area in cui si svolgerà la festa, compresa la piscina stessa, si potrebbero gonfiare dei palloncini e metterli in acqua assieme a dei materassini gonfiabili e, per la sera, a delle candele galleggianti per rendere l’atmosfera ancora più particolare! Non dimenticate di lasciare uno spazietto per il dj ed un ampio spazio per chi vuole ballare ma anche per chi desidera rilassarsi su dei divanetti!

 

La scelta di cibo e bevande

Per il cibo non c’è bisogno di impazzire più di tanto, essendo una festa e non una cena potreste optare per piatti semplici e veloci come tramezzini forciti, pizzette, tartine, crostini, insalata di riso, prosciutto e melone e altri piatti e frutta tipicamente estiva. Da non dimenticare assolutamente le bevande sia analcoliche che alcoliche e magari la possibilità di fare dei gustosi cocktail da sorseggiare a bordo vasca!

 

Insomma, organizzare una festa in piscina non è proprio roba da poco, ma basta essere organizzati al meglio per realizzare una delle feste a bordo vasca più belle dell’estate!